RPG

Approccio originale agli squilibri posturali ideato nel corso di molti anni di approfondimento e ricerca in campo biomeccanico dal Prof. F.Souchard. Principi base: individualità, causalità, globalità. Il metodo mira al ripristino dell’equilibrio statico/dinamico del corpo alterato dall’ adattamento a eventi/stimoli esterni. L’obiettivo finale è la riarmonizzazione corporea agendo sia localmente, sul segmento in cui si manifesta la disfunzione, che a distanza, sui segmenti in cui si manifesta un’ azione di compenso e difesa antalgica, questo cercando di agire in modo simultaneo. Il trattamento si basa su un approccio terapeutico globale ed ha inizio con un’ accurata valutazione in cui ci si concentra sull’individuo, osservandolo ed ascoltandolo, piuttosto che sul sintomo. Dalla valutazione il terapista imposterà il trattamento scegliendo, nell’insieme di quelle che compongono il metodo, le posture, necessarie al caso, da usare nel trattamento. I gruppi di posture sono distinti a seconda delle catene muscolari su cui agiscono maggiormente e si dividono tra quelle che partono dalla posizione chiusura dell’angolo coxofemorale e quelle che prevedono l’angolo coxofemorale in apertura. Durante la seduta, di un’ora circa, il paziente, seguendo le indicazioni del terapista, corregge le disfunzioni e i compensi attraverso piccoli movimenti che gli saranno utili per prendere coscienza del corpo e controllare il successivo mantenimento delle correzioni. Le posture mettono in massimo allungamento le catene muscolari e attraverso contrazioni di tipo isometrico evolvono, lentamente e sotto la guida del terapista, verso posizioni sempre più eccentriche permettendo un allungamento stabile in assenza di compensi. Solitamente il trattamento prevede una seduta settimanale e la sua durata è stabilita dal terapista in base all’entità dei problemi riscontrati e del dolore presente.Particolarmente innovativa è la possibilità di applicare il sensore tronco. TK Sensor è in grado di rilevare le oscillazioni del busto in senso antero-posteriore e latero – laterale. La stabilità del tronco, durante l’esercizio propriocettivo in posizione eretta, indica che il soggetto ha un buon controllo periferico (caviglia, ginocchio, anca) e non necessita di compensi posturali a livello superiore. Grazie alla pedana mobile sensorizzata del sistema ProKin, è possibile sviluppare un esercizio propriocettivo a carico controllato molto graduale e consono alle reali condizioni percettive della persona.

Chiamaci

Sport Clinic risponde ogni giorno dal Lunedì al Venerdi dalle 8.00 alle 20.30. Chiamaci per qualsiasi dubbio o domanda sui nostri servizi e appuntamenti.

+39 055 676141

Scrivici

Abbiamo a cuore l’opinione dei nostri clienti: non esitare a inviare una mail per richiedere un’informazione o lasciarci un suggerimento o un’osservazione sui nostri servizi.

info@sportclinic.it

WhatsApp

Se è più comodo un messaggio, puoi scriverci su WhatsApp. Sportclinic risponde ogni giorno dal Lunedì al Venerdì dalle 8:00 alle 20:30

+39 3664051602