Torcicollo posturale e torcicollo miogeno congenito nel lattante

Il torcicollo non è una diagnosi ma va considerato un segno clinico di un problrma che necessita di un attenta valutazione differenziale, caratterizzato dalla flessione della testa sulla spalla con rotazione della testa, Esistono molti tipi di torcicollo: oculare, parossistico alternante, da anomalie scheletriche, da disturbi neurologici, associato a rigurgito del tratto esofageo¸ doloroso acquisito.

Le forme di interesse fisioterapico sono:

  • Torcicollo posturale: spesso associato alla plagiocefalia occipitale e ad uno scarso controllo antigravitario del capo per l’età, non vi sono anomalie del muscolo strernocleidomastoideo (ecografia normale) e non ci sono limitazioni nella rotazione omolaterale. Forma congenita: è presente dalla nascita, causata dalla postura intrauterina. Forma acquisita:non è presente dalla nascita, causata dalla rotazione preferenziale del capo (posizione nel sonno) con atteggiamento in flessione laterale
  • Torcicollo miogeno congenito: caratterizzao da un anomalia del muscolo sternocleidomastoideo (visibile all’ecografia) e presenza di limitazione nella rotazione omolaterale.

Viene classificato, in base all’anomalia presente del muscolo sternocleidomastoideo, in:

  • Forma tumefatta: sono i 2/3 di casi di TMC, intorno ai 15-20 giorni di vita vi è la comparsa di una tumefazione visibile ad occhio nudo o alla palpazione che scompare tra il 4 e 6 mese, visibile all’ecografia, non è dolorosa.
  • Forma contratta: è riscontrabile alla palpazione e/o visibile all’esame ecografico con un ispessimento del muscolo colpito o con un ipoplasia congenita del muscolo colpito Il trattamento proposto sono gli stiramenti passivi dei muscoli coinvolti, la cura posturale nel sonno (fino a 3 mesi) e durante la veglia, facilitazioni del controllo antigravitario testa-tronco.

 

Plagiocefalia occipitale

La plagiocefalia è una deformazione del cranio con un modellamento obliquo-facciale: in particolare vi è uno schiacciamneto della zona occipitale posteriore associato ad una sporgenza anteriore dallo stesso lato ed un difetto inverso dalla parte opposta.

Si distingue in due tipi:

  • Plagiocefalia posturale: è causata dalla pressione prolungata sulla stessa zona del cranio in epoca pre e/o post natale. Può essere congenita, ovvero causata dalla pressione intrauterina , o acquisita: causata dalla posizione nel sonno e dalla scarsa attività da sveglio con poca posizione a pancia in giù.
  • Plagiocefalia sinostosica o craniostenosi: caratterizzata dalla fusione precoce delle suture craniche. Necessita di un trattamento multidisplinare (neurochirurgo, chirurgo maxillo-facciale, oculista, pediatra-neonatologo, ortodontista, etc..)

Il trattamento della plagiocefalia posturale è basato sulla cura posturale nel sonno e durante la veglia facilitando il cranio libero da pressione e con facilitazioni del controllo antigravitario testa-tronco.

Questo sito utilizza cookie utili al miglioramento dell'esperienza degli utenti e necessari per i servizi di analisi Google Analytics, pubblicità Google AdWords forniti da Google e Facebook.